Brands

Sabrina Pandin

16 Febbraio 2016

I’m going to tell you the story of a real artisan. She’s called Sabrina Pandin and she’s a Venetian textile worker. From 2013 in her laboratory based in Venice she creates refined and extraordinary textiles thinking her job as an example of ethics and discipline. After the Art School she decides to buy an old-style loom opening her atelier and following her great passion: weaving. Imperfect weaves and elaborate twists are the key of her success made of sacrifice and dedication but also of great choices. She graduated from the Venice Academy of Fine Arts, she worked with tailor laboratories, she contributed to social projects teaching weaving in jails and she became textile technology professor.

Sabrina prefers noble fibers like linen, cotton, hemp and cachemire, sometimes organic ones. Aware of the extreme importance of the final product’s properties, the creator dedicates a lot of attention to the yarn’s study and research guaranteeing to the final client an high-quality apparel which lasts in time.

At the last edition of Homi fair in Milan Sabrina Pandin presented “Le Bioline” (exclusively Italian pronunciation), poncho-shaped garment made of a special fiber called biolino realized mixing linen and cotton. “Le Bioline” are made from two long textile pieces united on one length. They are light and elegant items of clothing perfect on a shirt or on a turtleneck t-shirt.

Sabrina Pandin creations are exhibited in the best markets and cultural events in Veneto. You can recognize them thanks to their authenticity and craftsmanship, symbols of a incomparable-value Made in Italy. Check her works’ pictures on the facebook page https://www.facebook.com/SabrinapandinTextile/?fref=ts .


Vi racconto la storia di una vera artigiana. Si chiama Sabrina Pandin ed è una tessitrice veneta. Dal 2013 nel suo laboratorio di Venezia realizza tessili di eccezionale pregio e fa del suo lavoro un esempio di etica e professionalità oltre che di genuinità e disciplina. Dopo aver frequentato l’Istituto d’Arte decide di acquistare un telaio a pedali di vecchio stile e apre un atelier dando vita alla sua più grande passione: la tessitura. Trame imperfette ed elaborati intrecci l’accompagnano durante tutto il suo percorso, fatto di sacrifici e dedizione ma anche grandi soddisfazioni e successi. Si laurea all’Accademia di Belle Arti di Venezia, collabora con laboratori di sartoria, aderisce a progetti per insegnare tecniche di tessitura e rispetto del lavoro nelle carceri e diventa docente di tecnologia tessile.

Sabrina predilige l’utilizzo di fibre nobili come lino, cotone, canapa e cachemire, talvolta di filati biologici. Consapevole dell’estrema importanza della qualità del prodotto finale, la creativa dedica molta attenzione allo studio e ricerca dei filati che seleziona con cura per garantire al cliente l’acquisto di un capo d’abbigliamento che dura nel tempo.

In occasione della scorsa edizione di Homi Sabrina Pandin ha presentato “Le Bioline” (pronuncia rigorosamente italiana) perché derivate da uno specifico filato chiamato biolino composto da una mischia di cotone e lino. Si tratta di maglie, a metà tra una cappa e un poncho corto, composte da due pezzi di tessuto le cui lunghezze sono cucite su un lato. Indossate infilando la testa nell’estremità superiore lasciata libera, le Bioline sono indumenti leggeri ed eleganti, perfetti sopra una camicetta o una maglia a collo alto.

Le creazioni Sabrina Pandin sono esposte nei migliori mercati ed eventi culturali in tutto il Veneto. Li riconoscereste tra mille; i suoi manufatti sono connotati da autenticità e prestigio, simboli di un Made in Italy di ineguagliabile valore. Trovate meravigliose fotografie dei suoi lavori sulla pagina facebook https://www.facebook.com/SabrinapandinTextile/?fref=ts .

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply